C’è lei accanto a Shelley

C’è lei accanto a Shelley:
bimba minuta, due dita di gonna al ginocchio e giostra di caramelle in bocca a rosicchiare la curiosità.

Un gatto vecchio e carbone, baffi di nylon granitici come lapidi, osserva lumacone la milionesima gattamorta far finta di niente: lo sa lui, lo sa lei, al chiaroscuro della Piramide lo sanno tutti…

C’è lei accanto a Shelley:
madre coraggio un grammo a sera, quando pazienza e tolleranza contrastano specchi d’insofferenza inchiodati ai muri di periferia.

Il sole, braccia spiegate ad accendere di giallo e zafferano qualche foglia estinta sul ciglio di una tomba, distrae dai pensieri chi prega con nostalgia.

C’è lei accanto a Shelley:
anziana signora a cui il tempo ha dato e tolto l’immensità del cielo, meravigliosa poesia dimenticata a memoria…

Quattro mici, ciuffi in uno spicchio d’antichità all’aperto, giocano a miagolare in rima stornelli e melodie inglesi.

C’è lei accanto a Shelley:
mano di ramo ad indicare all’anima una sosta obbligata…

20171120_162946

 

Add a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...