Tu

Passo dopo passo spengo cicche tralasciando parole al vento.

Bevo un sorso di pensieri dissetando la malinconia e, nell’ultimo bottone, chiudo la porta al freddo.

Sguardo dopo sguardo incontro le tue pupille nell’occhiata frettolosa di chi ha altro da fare.

Tiro un calcio alle foglie, mucchio di colori esploso dal dolore, poi smetto di protestare violentemente e mi fermo a scavare un altro po’ di te strappando al cuore pezzi di ricordi.

Grido in silenzio, urlo preghiere a memoria e leggo alla vita testi di noi.

Passo dopo passo ho paura di restare solo, elemosino i tombini supplicando nel vuoto ancora te.

Incespico nell’indifferenza di una città priva di sentimenti: menti a smentire sempre se stesse.

Faccio fatica a sputare odio anche quando il rancore mi obbliga a seguirlo, e catapulto la mano salutando quel vecchietto che sulla solita panchina stringe anime da tanto tempo.

Nel soprabito invernale custodisco la tua assenza, bubù-settete senza più sorprese e senso di me.

E sarai per sempre la corsa lungo un fiume di rimpianti, calligrafia inconfondibile a superficie del mio sangue.

Nessuna mai potrà cancellare l’amore con rotoli di cimosa, né regalarmi lavagne al fine di scrivere altro e altro…e altro ancora.

Altro non c’è, passo dopo sguardo, sguardo dopo passo.

Non può esserci nello scintillio di un cielo in cui l’unica stella mancante sei tu…

27-e1340617043170

Add a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...