Monno in fame

 
Si drento casa c’hai sortanto feccia, risurta poi normale trovà breccia
 
E bada, nun te parlo in immigrato, ma de la gente a cui sei sempre grato
 
Der panza che frequenta li quartieri, co’ giacca, valigetta e biscazzieri
 
Perché, a esse onesti, lo sapemo, la merda spesso sta’ su l’avantreno
 
De ‘n monno ormai sfonnato dar potere, che pe’ fa’ cassa miete sur terore
 
E nun je frega ‘n cazzo der bambino, je basta poi l’accusa ar beduino
 
Che si ce pensi bene già detesti, lui puzza, nun se lava e rubba i posti.
 
È negro, poco umano e ben diverso da quer sistema puro com’è ‘r nostro.
 
La corpa, facce caso, è sempre artrove, e serve a esse servo der padrone
 
Che sguazza ‘ndove tu c’hai la certezza che pe’ campà te basti ‘n’antra pezza
 
T’aripulisce er grugno e la coscienza, che de monnezza ha fatto ‘sta gran scienza.
 
‘No schiaffo ballerino ai poveracci, là dove ‘r cielo mette solo stracci.
 
Adesso, sta’ tranquillo, damme retta, è l’ora de magnà la grattachecca
 
Ar resto poi ce pensa Pantalone, che de sputà vendetta se ne mòre
 
Vedrai de bombe scintillà la zella, ‘na stella buia struscicatte er còre
 
Tu batti er petto forte,
m’ariccomanno,
che c’hai la scusa illusa a tutto er danno…
Naked child braves downpour brought on by hurricane 'Dean'

Add a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...