Dall’Africa…

Attraversarono deserti in fila indiana,
due ricordi sulle spalle

Lunghe mandrie di volumi spenti
a solcare un vecchio mare

E catafratte di cartone d’arancione da soffiare con terrore

Dall’Africa…

Avranno avuto sette vite come i gatti e un’ottava da cantare

Piedi scalzi di gazzella attenta, polveriera agli schiamazzi

E qualche briciola di pane, terra in fame, a implorare cieli d’acqua

Dall’Africa…

Saranno stati tanti stati in filigrana, strati di ricchezza tolta

Schiavizzati nella madre culla e sperare senza sosta

E spettatori di cannoni sfruttatori, stelle e luna a scioperare

Altalene di catene stanche nel dolore a dondolare

Dall’Africa una lirica balzò, e simba con gli artigli ci infilzò a rimbalzare il niente che dall’alto iddio calzò.

dreamstime_xl_21321620

Add a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...