Arfredo ar freddo

Ma ‘n tetto io ce l’ho

Sta’ appeso drento a ‘n letto 

In fonno a quer comò

A dilla è nostargia

 De ’n tempo che ‘n c’è più

‘Na specie de follia pe’ famme sta’ ‘n po’ su

Ar freddo ce se mòre

Nun devi dillo a me

E si stanotte tremo, me sa che sogno a te

No, mica te cojono, sto solo a raggionà

Perché durante l’anno, te vedo poi scappà

Lo so, mo’ me vòi bbene, e piagni ‘n po’ pe’ me

Ma fermete, convieni?, ch’er callo mo’ ariviè.

Che poi si ‘n pazzo appiccia, de fiamma la pellaccia, vor dì che nun c’ha faccia né còre pe’ capì.

Diceveno ‘na vòrta, li vecchi contadini, ch’è mejo morì soli che fa li burattini…

20171029_121736

Add a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...