Vedrai, accadrà…

Fui accolto da una folla di folletti, scarpette rosso corallo e nasoni a fagiolo.

Restai lì trentadue giorni, trentuno notti e pochi secondi all’ultimo tramonto.

Mi misi in testa d’allungare la vita ad un’esistenza in coma, scelsi l’isola che fa per me e remi in braccio spinsi piano sull’acceleratore.

Portai coperte ricoperte d’amore, un foulard bianco con tanti colori, spezie pregiate a guarire dolori e vecchie stoviglie a imboccare ricordi. 

Poi tutto il resto che adesso non so.

Andai incontro all’incontrollabile, buttai foto di ieri sfumate, sfamai la bocca con chicchi di fiaba e vidi piangere la luna.

Mostrai i muscoli ad un bambino, sorrisi quando li toccava, partimmo in viaggio per chissà dove e stanchi dopo ci addormentammo.

Restammo a un metro dalla poesia, bevemmo sogni a più non posso, raggianti fummo sbalestrati al centro di tutt’altro posto.

Era laggiù, più in là di là, dissi a me stesso vedrai accadrà…

Fairy_King_and_Queen_1910

Add a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...